Sistema Trasporti a colloquio con il Viceministro MIMS Alessandro Morelli

10 Mar, 22Auto, Attualità, Azioni collettive, Bus, News, Primo piano

Francesco Artusa, Presidente Nazionale Sistema Trasporti, ha incontrato a Roma il Viceministro MIMS Alessandro Morelli per un lungo colloquio sulle proposte della Confederazione a tutela del settore NCC e Bus Turistico. Il racconto in prima persona:

È iniziato tutto alla fine di gennaio. Le forze erano scarse, come quelle di oggi, e c’era sempre un qualcosa di più urgente che ascoltare ed aiutare il trasporto pubblico non di linea ad uscire da un tunnel in cui non si è messo da solo.

Così ci siamo attivati in una serie di iniziative, anche di concerto con altre associazioni, capaci di accendere quel minimo di riflettori necessari a fare dei passi in avanti. Perché uno può anche avere le migliori idee del mondo, ma se ha budget risicati e poco ascolto, nessuno le conoscerà mai.

Attraverso l’attenzione mediatica e le piazze italiane mobilitate a febbraio, abbiamo raggiunto risultati ancora una volta concreti con nuovi interventi regionali, ma anche la riapertura del dialogo istituzionale che era fermo da oltre un anno nonostante qualcuno millantasse il contrario, ma senza interventi a sostegno delle parole.

Ieri, 9 marzo speriamo di aver aperto un nuovo percorso. Nuovo nel senso che sia duraturo, istituzionale e che porti ad una collaborazione costante tra istituzioni.

Il colloquio con il Viceministro MIMS Alessandro Morelli

In oltre un’ora di colloquio col Viceministro Alessandro Morelli abbiamo potuto affrontare in modo approfondito le diverse problematiche che affliggono la categoria NCC e Bus turistico.
Abbiamo potuto analizzare nel dettaglio tutte le proposte di Sistema Trasporti contenute in un documento lasciato al Viceministro per gli ulteriori approfondimenti.

 

 

 

 

Le tematiche affrontate

Sul caro carburante ci è stato riferito che il Governo sta studiando diverse ipotesi, sia sulle accise che sul prezzo alla finale alla pompa. L’intervento è atteso nel brevissimo termine.

Sui ristori e PNRR abbiamo riscontrato una sintonia sulla necessità di incentivare il passaggio delle flotte agli euro 6 endotermici e non solo l’elettrificazione.

Abbiamo poi registrato disponibilità a risolvere questioni più tecniche che politiche come la lentezza nell’immatricolazione degli ncc, l’utilizzo del noleggio a lungo termine, il caso di 80 autorizzazioni emesse da un comune in provincia di Avellino in contrasto con la legge, la carenza di autisti anche con l’innalzamento dell’età come accade in altri paesi europei per risolvere l’emergenza.

Sul DDL concorrenza abbiamo espresso la volontà di partecipare alla stesura delle norme che ci riguarderanno a differenza degli ultimi 15 anni invitando ad una valutazione approfondita della nostra proposta globale di riforma.

Infine, Il Viceministro ha assunto l’impegno di raffrontarsi col Ministero della Salute per togliere le restrizioni alla capienza degli NCC previste dal DM del novembre 2021 che non hanno più ragione di esistere.

Non ci fermeremo qui. I prossimi passi:

Contiamo di rivedere il Viceministro nel breve periodo per proseguire il confronto e concretizzare almeno alcune delle proposte presentate oggi.

Tradurremo alcune proposte in emendamenti da presentare al DL Energia come il bonus diesel e lavoreremo nella costruzione del supporto necessario a che vengano approvati (presentarli è piuttosto semplice, farli approvare è un’altra storia).

Consentiteci un minimo di soddisfazione dopo tanto lavoro, che serve anche a rifiatare un attimo. Per l’ennesima volta abbiamo dimostrato di avere esperienza politica, idee, accreditamenti e la capacità di portare a termine i progetti.

Vogliamo che la nostra voce diventi più forte

Il punto debole è che continuiamo ad essere troppo pochi. Nonostante anni di sudditanza nei confronti dei taxi o del comparto TPL, non si vuole capire che tutto passa da lì, ovvero dal fatto che per contare come una lobby devi diventare una lobby.

Non c’è una scorciatoia, non c’è un piano B e non c’è nulla di più importante e di più urgente perché se conti poco, avrai poco indipendentemente dalle tue difficoltà.

E allora la categoria dimostri di aver capito l’urgenza e si associ in massa. Adesso. Altrimenti saremo costretti ad accontentarci come stile di vita.

Noi non ci arrendiamo, le aziende ci facciano sapere concretamente se facciamo bene ad insistere oppure no.

 

Francesco Artusa
Presidente Nazionale Sistema Trasporti Confederazione di Imprese

 

Clicca qui sotto per leggere il documento integrale:

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità
dal settore NCC auto e bus

Le news in materia legislativa, fiscale e amministrativa che non puoi perderti per gestire al meglio la tua attività

Diventa Socio

Scopri i vantaggi esclusivi di essere Socio Tesserato Sistema Trasporti

Rappresentanza, informazione specializzata, servizi di consulenza e convenzioni per la tua attività NCC

Sostieni le nostre battaglie

Sei un dipendente NCC o hai a cuore i diritti degli operatori di questo settore?

Potrebbe anche interessarti:

Newsletter Sistema Trasporti

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla Newsletter

Sei iscritto alla Newsletter!

Pin It on Pinterest